Songtexte.com Drucklogo

Naufragio a Milano Songtext
von Paolo Conte

Naufragio a Milano Songtext

Integrazione, parola amara
Collacamento miezzociemento,
Orario fisso e frastuono dinta capa
Chist opaese erraggiuniere
Uommene, fimmene, creature
Tutti raggiunano a tutte quante lore
Lo comme puozzo raggiun
E comme puozzo raggiun,
Si raggiuno luocchie chiagne fora milleciento lagreme
I maggia scurd osole, i maggia scurd o mare e lacque chiare
I maggia scurd lerba e avoce antica dosilenzio
Miezzovico e acaccavella e oputip - E come puozzo raggiun.
Ah, stu naufragio dinta Melano senza na varca e pure senza omare
E tu me dici stasera usciamo e dove?


Vie scanisciute e figure ignote, lampade al neon - Carmela cara,
Torniamo a cuccia, oin, ca nun cosa -
E zitti senza raggiun, e commo puozzo raggiun,
Si raggiuono luocchie chiagne fora milleciento lagreme,
Nun ce resta che lammore, nu disperato, antico, eterno ammore,
Se smorza aluce abranda cigolando inta nuttata fridda
Tutti i mali nosti fa pass - E comme puozzo raggiun
E stu naufragio dinta Melano
Se chiamma un nome: Immigrazione,
Immigrazione signiffica terrone -
E poi terrone vuol dire fame
Vuol dire suonno vuol dire figli
Vuol dire paese volato via vuole dire nustalgia
Eh, comme puozzo raggion, e comme puozzo raggiun

Songtext kommentieren

Schreibe den ersten Kommentar!