La rivincita dei buoni Songtext
von Ghemon

La rivincita dei buoni Songtext

Guarda il video di "La Rivincita Dei Buoni"


Se penso a quando non avevo poi tanto da dire,
quanto tempo speso a restare sospeso
e quanto se n'e' andato per reagire
quando accumuli non vedi mai la fine
e quando chiedi non ci sono mai risposte sufficienti per capire
avrei voluto costruirmi un personaggio e studiarmi le facce
per una firma in calce sotto ad un contratto
ma ho capito che ogni cosa a suo tempo
ed ogni storia ha uno spazio
e qui ce n'era troppo sotto per tentare il salto
salvo nonostante questa struggle è un ago
e non ci vuole uno psichiatra a sfilarla ci vuole un mago
ogni ricordo che mi parla ed affondo in quello che stato
mi tiene come legato gambe e braccia con lo spago
a chi mi chiede se qualcosa è cambiato
dico che camminare soli è di per se' gia' un ostacolo
se camminassimo insieme, puntassimo a un risultato
sentirei che vogliamo tutti qualcosa e che non sto
per essere accerchiato
ed ho cercato un obbiettivo e l'ho cerchiato
e forse è quello che è mancato a qualcun altro
a fare il duro sarei falso e forzato
mi riesce molto meglio essere me anche se fragile
e lunatico

E' la rivincita dei buoni
qui rispondiamo cuori contro spade e bastoni
rivincita dei buoni
rivincita dei nostri ideali
io carico fiori se tu hai coppe e denari

tu proteggi e salva come vinicio
mantieni questa mia voglia calda come silicio
e dammi forza per vedere l'alba come incomincio
quando saranno arrivati i giorni di sacrificio
cerco la dimensione giusta per l'equilibrio
la direzione per la distinzione tra realta' e artificio
non sono un tipo che puo' fare un lavoro in ufficio
e dopo tanto tempo anche mio padre l'ha capito
per ognuno cambiano le prospettive
quando sono differenti le scelte rispettive
ed è per questo che so che nella vita
cio' che non uccide non puo' far altro che fortificare chi sopravvive
oggi che il difficile non è codificare voglio semplificare
essere comprensibile
e non c'e' svolta street, non c'e' crisi mistica
o freestyle sui post-it, non è scelta artistica
nessuno puo' togliermi quello che sono
il mio suono, colonna sonora della rivincita
in futuro? Non c'e' niente che escludo,
sicuro: ad ogni linea che inizio c'e' una bocca che chiudo

Songtext kommentieren

Schreibe den ersten Kommentar!